.

CAPPADOCIA SHORT TRAIL 38km D+1200

CAPPADOCIA SHORT TRAIL 38km D+1200

Regalo di compleanno da parte delle mie donne. Avventura iniziata sin dalla partenza il 17/10/19, voliamo da Roma a Istanbul e da qui a Nevsheir in Cappadocia, in aeroporto ci vengono a prendere con uno shuttle bus sul quale ci imbarchiamo insieme ad altri runners alla volta di Urgup

La sera stessa ritiro pettorali e già mi rendo conto della grandissima organizzazione.

 

Giorno successivo visita guidata della Cappadocia con vista di paesaggi e luoghi incantevoli in area protetta e PATRIMONIO DELL'UNESCO

 

 

19 ottobre

Dopo nottata quasi insonne ci si prepara alla gara, tutto pronto, mi sento in forma ma essendo un percorso poco adatto a me ho un po di timore sui tempi, però devo finirlo e anche in poco tempo ;-)

Testa alla grande, fisico altrettanto anche se vengo da un periodo di poco allenamento, mi avvio verso la partenza, le mie donne mi accompagnano, passo davanti all'ufficio del Vice Console d'Italia e, pur essendo sabato e chiuso, faccio la faccia tosta, mi rivolgo in portineria e lo faccio chiamare

È un turco nominato console onorario, gli chiedo una bandiera italiana e me la da, gente meravigliosa. Sono sulla linea di partenza, una folla enorme, ben 1400 persone da tutto il mondo. Alle 10.00 in punto il via, partenza in salita x 1 km. su sampietrini e poi inizia il sentiero

 

Si corre dentro questi canyon con ai lati delle rocce di argilla che rappresentano dei monumenti naturali. Il terreno è duro come il cemento, mi metto ad una media di 6/km, primi 10km 1h.05. Al km 10,5 ricominciano i sampietrini, proseguo fino al primo ristoro al km 11,200 dove le mie donne mi aspettano con la gioia e il sorriso, sto benissimo, non faccio neanche la sosta, riempio solo una parte della borraccia e riparto. Si rientra su strada sterrata e si sale fino alla vetta più alta, circa 1400mslm arrivando al 15° km.

 

Ho abbassato un pò la media a causa della salita. Finalmente inizia la discesa tra canyon e single track "spacca ginocchia", ho superato metà della gara, proseguo per 4/5km su sentiero di sabbia dove si affonda in continuazione e naturalmente mi rallenta

Al 23°km arrivo in circa 2h40m. Sono a Gomere, 2° ristoro, qui non trovo le mie donne in quanto sono andate al ristoro sbagliato, mi fermo 10 minuti per mangiare una barretta, carico acqua e riparto, sento il motore arrancare, allora cammino per un bel pò dicendo a me stesso di ripartire quando sentirò di nuovo le energie, forse la sosta mi ha fatto male, boh, vedremo. Entro nella zona denominata OPEN AIR MUSEUM

 

Corro piano su sabbia e tra orti pieni di mele e pere, la polvere entra ovunque, scarpe, naso, orecchie, mancano ancora 15km circa, sento il corpo affaticato. Dopo una lunga e dura salita a causa del terreno morbido e sdrucciolevole, si riscende, provo a tirare un pò ma inizio a sentire dei dolori ai muscoli tibiali, piccoli crampi che riesco a gestire. Ancora canyon meravigliosi, sali e scendi, poi un lungo tratto pianeggiante di sabbia, corro a rilento, affondo i piedi, sto abbastanza bene, bevo tanto e vado avanti. Intorno al 30° inizia il percorso all'interno della Rose Valley cosi chiamata per via delle rocce di colore rosa, un paesaggio meraviglioso, qualcosa di unico al mondo

Il percorso è duro, sali e scendi di continuo su terreno tosto come il cemento, anche questo "spacca ginocchia". Sono a circa 7 km. dall'arrivo, la stanchezza inizia a farsi sentire ma ce la faccio. Scollino e esco da questa vallata, ancora sali e scendi su sentiero e poi strada sterrata, maledetta strada del cavolo, tanto tosta, fino al 36°. A 2 km. dall'arrivo, lascio la strada e rientro sui sampietrini, corro, inizia la discesa e mi lancio a manetta verso la FINISH LINE, prendo la bandiera dalle mani di mia figlia e la porto fino all'arrivo.

Chiudo in 4h52m con una grande soddisfazione, 211° su 1400 e 14° di categoria, il corpo ha reagito egregiamente, mi sono gestito bene e questo mi ha permesso di terminarla nelle giuste condizioni, ora ho bisogno di mangiare e di una bella birrona, l'amico turco al bar mi aspetta.

Social Networks

Condividi: